Home | News | Eventi | Community | Cerca Lavoro | Convenzioni | Collabora | DB Aziende  

Recensioni

Leggi la biografia

Attualità

Comunicazione

Marketing

Gestione Strategica

Tecnologia

Gestione Risorse Umane

Management

Formazione

Mercati Internazionali

Lifestyle

Imprese di successo

Capitani d'impresa

Recensioni

Business Papers

Sondaggi

Links

Iscriviti alla Newsletter

Email:

IN EVIDENZA

Brand Storytelling Awards 2012

Employer Branding Review

Net1news

  Follow eccellere on Twitter

PARTNERS

FrancoAngeli

IDC

Egea

 

 

Come costruire il guardaroba ideale per il “power look”del manager

Un obiettivo ambizioso, che Cinzia Felicetti, scrittrice di grande esperienza nel campo fashion, aiuta a raggiungere con il suo nuovo libro “L’abito fa il manager”

di Elisa Scarcella

“Vesti male e noteranno il vestito; vesti impeccabilmente e noteranno la donna”. Questa lapidaria massima di Coco Chanel, citata da Cinzia Felicetti nel suo ultimo libro “L’abito fa il manager”, testimonia quanto sia determinante il nostro aspetto come “biglietto da visita” di noi stessi al mondo esterno e, specialmente, nel contesto lavorativo.
Considerato poi che l’immagine che diamo di noi stessi si basa generalmente sulla prima impressione e si forma quindi in soli 7 secondi, ecco rivelarsi fondamentale «Decidere in prima persona il messaggio che volete veicolare – come afferma l’autrice- anziché lasciare che siano gli altri a farlo al vostro posto; un primo passo importante nel prendere in mano le redini della carriera». Con il nostro packaging infatti noi possiamo comunicare chi siamo, cosa possiamo offrire, dove vogliamo arrivare.
Un obiettivo ambizioso, che l’autrice - già giornalista di Amica, Moda, Tutto, direttrice per 4 anni e mezzo di Cosmopolitan ed autrice di “Assolutamente glam!” e “Io compro da sola”- spiega come raggiungere nel volume, una rivisitazione del workshop “Dress to impress”, creato e tenuto dalla Felicetti per i corsi MBA organizzati da SDA Bocconi.

L’originale volume, come una sorta di “vademecum del manager elegante”, in modo molto ironico ma dettagliato e documentato, dispensa consigli e indicazioni di stile ma anche di carattere pratico finalizzati a creare un look che sia distintivo ma naturale, personalizzato ma sempre armonioso con il contesto in cui ci inseriamo e soprattutto mirato a dimostrare le nostre capacità, affidabilità e dedizione. In breve, un “signature look”, che rechi la nostra firma e ci rispecchi, “nell’ottica di una totale sinergia tra quello che siamo fisicamente, mentalmente e spiritualmente”. E poiché la visione d’insieme è data da tanti piccoli dettagli, numerosi sono gli aspetti di cui tenere conto.

Il primo passo consigliato consiste nell’assicurare sempre una massima cura alla nostra igiene personale (pelle, capelli, denti, unghie, barba etc.) utilizzando i migliori strumenti e prodotti oggi a disposizione (qui descritti dettagliatamente) e in particolare quelli che permettono risultati ottimali in breve tempo. In questo contesto, l’autrice consiglia di individuare con attenzione uno specifico profumo, un taglio di capelli e, per il pubblico femminile, un particolare trucco che, nel loro insieme, diventeranno il nostro trademark, che sarà semplice, funzionale, veloce e naturale e fedele non tanto alle mode quanto piuttosto al nostro carattere e al nostro gusto.
Lo stesso criterio andrebbe applicato, e questo è il secondo passo, all’elaborazione di un dress code che, nel caso ci avviamo a sostenere un colloquio di lavoro ma anche se siamo già inseriti in posizioni junior o senior, ci permetta di apparire al meglio, valorizzando i cosiddetti “punti forti” e sia inconfondibilmente nostro pur nel rispetto dei diktat aziendali, a cui bisogna attenersi perché «ogni azienda è un circolo esclusivo, di cui bisogna essere membri, non ospiti». Secondo l’autrice infatti non esiste un “look risorse umane” a valenza universale, ma si possono individuare alcuni grandi “filoni” di stili seguiti dai principali ambiti lavorativi: nel mondo legale, politico e finanziario domina lo stile “Corporate” (composto da abito intero formale blu, grigio o gessato), in quello accademico e commerciale lo stile “Business Appropriate” (spezzato giacca e pantaloni), mentre nei contesti creativi come quello giornalistico o pubblicitario ci si veste “Corporate” se si ricopre una posizione senior o “B.A.” se si è in una posizione junior o intermedia. Esiste infine il “Business Casual” (di cui è eccellente rappresentante Sergio Marchionne), nato come abbigliamento del venerdì negli anni ‘90 e da adottare con grande attenzione, abbinando sempre un capo pratico con uno più formale.
Oltre ad ispirarsi ad uno degli stili citati, si consiglia anche di avere uno “spirito guida”, ossia un modello di riferimento intramontabile che sia sempre per noi fonte di ispirazione: per l’uomo, su tutti, il Duca di Windsor, considerato l’uomo più elegante del 900, e poi Cary Grant e i più moderni Diego della Valle e Luca Cordero di Montezemolo; per la donna, Liz Taylor, Katherine Hepburn, Jacqueline Kennedy e, per arrivare ai nostri giorni, le attrici Jennifer Aniston e Cloë Sevigny.

Dopo aver provveduto alla cura personale è necessario focalizzarsi sull’elaborazione del guardaroba che, come ricorda l’autrice, «è un animale domestico e ha bisogno di essere pulito, amato e nutrito”. Per costruire il nostro guardaroba ideale occorre agire in due fasi. La prima consiste nel cosiddetto decluttering, cioè nella selezione, da farsi almeno due volte l’anno, dei capi presenti nell’armadio, con l’eventuale eliminazione di quanto non è più idoneo ad essere indossato (per l’usura, perché passato palesemente di moda, perché non più adatto alla nostra taglia o soprattutto all’ambiente in cui ci vogliamo inserire). La seconda fase prevede di creare una gamma base di capi limitati nel numero (per non avere lo stress della scelta), di buona qualità e versatili, da combinare in diversi abbinamenti in grado di assicurare uno stile di successo. L’armadio deve essere quindi “rifornito ma non traboccante, bilanciato, organizzato e funzionale”, composto al 70% dai grandi classici - che passano attraverso le mode e “conferiscono autorevolezza in ufficio e una rilassata eleganza nel tempo libero”- e dal 30% dalle new entry, cioè da capi e accessori di tendenza.

E si entra così nel vivo del volume, con un dettagliato elenco dei must di cui non si può fare a meno, in riferimento agli specifici universi maschile e femminile. E poiché, secondo l’autrice, oggigiorno la scelta davvero rivoluzionaria è quella dell’understatement, si consiglia vivamente l’uso dell’abito intero (giacca + pantaloni o gonna coordinati), da accompagnare con una valigetta autorevole “che urli status ed efficienza da ogni dettaglio” e da pochi ma selezionati accessori, in modo che, nell’insieme, «capelli e scarpe siano congiunti come in una linea retta».
Il volume prosegue con alcune importanti indicazioni: come prendersi cura dei capi e provvedere al loro lavaggio, come presentarsi in modo da essere sempre inappuntabili (le camicie devono essere sempre fresche di bucato e ben stirate, gli orli e i bottoni in ordine e ben cuciti, le scarpe pulite); come acquistare bene, privilegiando la qualità sulla quantità («non avete bisogno di più vestiti ma di vestiti migliori, capaci di far carriera con voi e di rappresentare la posizione cui ambite») anche se non si dispone di un grande budget; come scegliere le stoffe degli abiti (meglio privilegiare cotone, microfibra, crêpe di lana, gabardine, maglia rasata fine che riescono ad assecondare la silhouette anche su eventuali aree “problematiche”) e i colori (meglio scegliere le tinte scure, snellenti e sempre eleganti: «il nero è il più virtuoso di tutti, il blu la sua versione gentile e il grigio è raffinato e understated»); come creare il proprio “parco cravatte” (privilegiare quelle dai disegni piccoli, quelle con una stampa che include il colore esatto della camicia e che, nell’abbinamento con l’abito, non creino forti contrasti cromatici).

Per quanto riguarda il taglio degli abiti, meglio evitare tutto ciò che stratifica (volant, tasche applicate, spalline, grandi bottini) e privilegiare tagli ultrasemplici (specialmente nella scelta delle giacche). In merito poi agli accessori (gioielli, orologio, borse, occhiali, scarpe e cintura), di cui si è già accennato, poiché hanno un ruolo determinante, si consiglia di privilegiare quelli più ricercati, che sono in grado di nobilitare un look mediocre e aggiungono personalità. A questo proposito l’autrice consiglia di togliersi sempre qualcosa prima di uscir di casa. Si consiglia inoltre di avere a disposizione un buon sarto, non solo per le riparazioni ma anche per reinventare un capo ancora in ottimo stato ma dal taglio datato.
In linea generale, poiché «Dovremmo essere noi a indossare i vestiti e non viceversa», si sconsiglia l’uso di capi e accessori con logo a vista e spudoratamente riconoscibili; no quindi alle borse feticcio (le cosiddette “it bag”) costosissime e spesso vistose e agli occhiali da sole di tendenza e dalle forme sgraziate; si invece ad un buon orologio (“simbolo supremo di gestione del tempo”), magari ad un grande classico.

Infine, due consigli: quando si è in viaggio, preparare accuratamente il bagaglio e riporlo in borse adeguate e, arrivati in loco, mantenere un dress code mediamente formale, nel rispetto delle differenze culturali sia nell’abbigliamento che nei modi; per il tempo libero, sia a casa che in occasione di meeting aziendali in trasferta, avere sempre cura del proprio aspetto e usare con moderazione e discrezione jeans e occhiali da sole.

L'abito fa il manager
Lui & Lei: guida allo stile di successo

Autore: Cinzia Felicetti
Editore: Sperling & Kupfer
Anno 2007

16-Ott-2007

© 2007 - Eccellere - Business Community
 

 
 

 

 

 

 

 

RUBRICHEMAPPA | COLLABORA

  NOTE LEGALI


Eccellere Business Community è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma - n. 348 del 26/09/2008.
I testi rimangono proprietà intellettuale e artistica dei rispettivi autori. 2010 - Licenza Creative Commons
I contenuti di Eccellere sono concessi sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Unported. Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina Note legali.